WatchTrotter | TCM FERRARIN
TCM negli ultimi anni ha decisamente alzato il tiro, ritagliandosi meritatamente il proprio spazio all’interno di un mercato dominato da grandi players attraverso un’offerta completa fatta di pezzi molto interessanti
tcm, terra cielo mare, ferrarin, unitas, watchtrotter, recensione
507
post-template-default,single,single-post,postid-507,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,paspartu_enabled,menu-animation-underline
 

TCM FERRARIN

TCM FERRARIN

TCM dedica questo orologio al pilota Arturo Ferrarin, soprannominato il ‘Moro’ per la sua carnagione scura. Il RAID ROMA-TOKIO del 1920, sostenuto dal poeta Gabriele D’Annunzio e dal poeta giapponese Haru-Kichi Shimoi, fu una delle più gradi imprese di Ferrarin.

CENNI STORICI

L’impresa venne compiuta in circa tre mesi e mezzo, dal 14 febbraio al 31 maggio 1920. Il Moro scelse come compagno di viaggio il grande amico Guido Masiero. Masiero viaggiò con il motorista Roberto Maretto, mentre Ferrarin con Gino Capannini. Fu permesso loro di utilizzare due vecchi SVA (Savoia-Verduzio-Ansaldo), ma la partenza fu rimandata di qualche giorno perché l’aereo di Ferrarin, pilotato da un suo amico, subì dei danni in fase di atterraggio quando orami era tutto pronto. Il Moro fu costretto a sostituire velocemente il velivolo con uno SVA 9 non in perfette condizioni. Quest’ultimo era anche meno potente dell’aereo di Masiero, motivo per cui non fu possibile il volo di coppia. Ferrarin e Masiero arrivarono a Tokio con un’ora di differenza il 31 maggio, ma solo Ferrarin compì il raid completamente in volo nonostante numerosi imprevisti quali un cambio d’aereo a Calcutta e diversi problemi ai motori. Ferrarin fu quindi considerato il vincitore del Raid e il vero protagonista di questa storica impresa. Il ‘Moro’ atterrò a Tokio alle 14:30 davanti ad una folla di 200 mila persone e all’imperatore del Giappone. Sul pilota Arturo Ferrarin (1895-1941) si è detto e scritto molto, in quanto la sua vita fu costellata di numerose imprese e primati. Consiglio vivamente la lettura del libro “Arturo Ferrarin – Il Moro” scritto da Valentina Ferrarin ed edito dalla casa editrice Egida.

L’OROLOGIO

TCM Ferrarin

Questo segnatempo viene presentato nel 2012 in edizione numerata 100 pezzi. Il cinturino, inizialmente in pelle di antilope, viene in poi sostituito da TCM con uno splendido cinturino artigianale in cuoio che veste tutti i modelli più recenti.

QUADRANTE

TCM Ferrarin Dial

Il Dial è disegnato secondo i dettami classici degli orologi da aviatore. Grande leggibilità, grandi numeri arabi, sfondo nero sono le caratteristiche principali. Osservando il quadrante risalta subito un particolare molto interessante. Si, avete indovinato. È tutto spostato di 60 gradi! Anche in questo caso le motivazioni sono da ricercare nella scelta di TCM di ricreare un oggetto dal sapore antico, storico. Nasce infatti come orologio da aviazione, per questo motivo il quadrante è disassato di due ore. Ciò rende più agevole la lettura dell’ora durante il volo, in quanto il pilota non necessita di staccare le mani dalla cloche. I numeri arabi e le generose lancette sono coperte di un materiale luminescente dal colore giallo tenue dal’altri tempi. A ore 3, quindi normalmente a ore 5, è presente il contatore rotondo dei secondi. Qui, una piccola lancetta bianca ne disegna la circonferenza color bronzo muovendosi in modo non del tutto fluido. A ore 6 è disegnato l’apparecchio SVA 9 con cui il ‘Moro’ affrontò il Raid. A ore 12 la scritta TERRA CIELO MARE firma l’oggetto. Il risultato è decisamente convincente e il tutto è reso ancora più affascinante dal vetro bombato a occhio di bue.

CASSA

TCM Ferrarin Case

Le dimensioni sono generose. La cassa costruita in acciaio misura 44mm di larghezza per 16mm di spessore. Da ansa ad ansa sono 54mm, mentre la larghezza del cinturino è di 22cm. Quest’ultimo è “made in Italy” realizzato artigianalmente in cuoio e chiuso da una fibbia in acciaio. Si tratta di un cinturino in cuoio rullato vintage di colore marrone con impunture nere che è veramente comodo! Alle 12 del quadrante disassato sporge la generosa corona a ritorno ricavata dal pieno, disegnata per essere girata anche indossando dei guanti da pilota. Io ci ho provato con dei guanti da sci, operazione riuscita perfettamente. Ho prima descritto il bellissimo quadrante, ma il retro di questo segnatempo non è da meno. Sul fondello , serrato con sei viti, è incisa a mano la mappa della trasvolata di 25 tappe da Roma a Tokio sormontata dall’incisione dello SVA9 di Ferrarin. Troviamo inoltre incisa la scritta TERRACIELOMARE e ARTURO FERRARIN 1920 seguito dal numero di serie dei 100 esemplari.

MOVIMENTO

TCM Ferrarin – Caseback

Il cuore del TCM Ferrarin è un meccanismo meccanico Unitas Swiss Made a carica manuale, nato come movimento da tasca. Si tratta del solo tempo Unitas 6497. La bassa frequenza (18.000 alternanze) che muove a piccolissimi scatti la lancetta dei secondi è una scelta decisamente azzeccata per un orologio del genere. Un calibro robusto ed affidabile che garantisce 46 ore di marcia se caricato completamente girando la corona. Devo ammettere che la caratteristica principale di questo Unitas non è certo la precisione. Diciamo che corre un po’, per cui dopo qualche giorno è necessario regolare l’ora. Ma va bene così, è un piacere muovere la corona di questo oggetto.

CONSIDERAZIONI

TCM Ferrarin Strap

La qualità percepita è notevole. I materiali, dalla cassa al cinturino, rappresentano il meglio che si possa desiderare per un oggetto di questa categoria. Il Ferrarin è ben fatto, risulta comodo al polso e il piacere di indossarlo è degno di nota. TCM negli ultimi anni ha decisamente alzato il tiro, ritagliandosi meritatamente il proprio spazio all’interno di un mercato dominato da grandi players attraverso un’offerta completa fatta di pezzi molto interessanti. L’azienda si concentra su produzioni a basse tirature (spesso gli orologi sono numerati), con una certa predisposizione alla scelta di materiali nobili e inusuali. Ogni oggetto è unico, rifinito a mano, tecnologicamente avanzato ed è il frutto della passione che TCM mette nel proprio lavoro. Chi sceglie Terra Cielo Mare è consapevole di indossare un segnatempo esclusivo, personale, dal sapore decisamente italiano, ma dagli standard Swiss Made. Apprezzo fortemente il lavoro di questo produttore italiano e mi piace l’idea di rappresentare la storia dell’Italia e concentrarla in un segnatempo da polso per collezionisti ed amatori. TCM è uno dei marchi preferiti da WatchTrotter.

SPECIFICHE TECNICHE

TCM FERRARIN  (Ref. TC7044AC3PA)

Calibro UNITAS Swiss Made a carica manuale; cassa in acciaio, Ø 44 mm; vetro bombato a occhio di bue; quadrante disassato da aviatore; fondello serrato con viti ed incisione, realizzata a mano, della mappa della trasvolata; water-resistant 30 MT; cinturino artigianale in cuoio “Made in Italy”; Swiss Made; prezzo 1980€

Maggiori info su TERRACIELOMARE

WatchTrotter

 

No Comments

Post a Comment